Antonio Del Vecchio
20/12/15

Grazie al Web, non solo il Presepe Vivente, ma anche quelli fissi protagonisti del Natale, a Rignano G.

Rignano G. Chiesa matrice dell'Assunta, facciata Rignano G. Chiesa matrice dell'Assunta, facciata

RIGNANO GARGANICO. Non solo il Presepe Vivente, ma anche quelli tradizionali e fatti in casa puntano ad essere protagonisti delle festività natalizie, a Rignano Garganico, Tutto questo, grazie ad un concorso messo in atto dalla Parrocchia Maria SS. Assunta del posto, retta dal dinamico ed innovativo don Nazareno Galullo.

Il tutto sarà effettuato e giudicato  alla “Grillo-Casaleggio”. Cioè con l’inserimento in rete “face book” delle rispettive foto dei presepi fatti in casa e l’apposizione “Mi piace”.  Lo si potrà fare mettendo in atto le seguenti modalità: 1) scattare la foto e inviarla a: face book.com/chiesarignano, corredata del nome del partecipante e del luogo di residenza; 2) oppure recapitare la stessa e con i medesimi dati a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. o a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.; 3) potranno partecipare fuori concorso anche i non residenti, inviando foto ed estremi anagrafici tramite Whatsapp al n. 3489333140. Ci penseranno i tecnici della Parrocchia a postarla su facebook. Vincerà la  foto che otterrà più”Mi piace”, entro le ore 17.00 del 6 gennaio 2016. I primi tre della graduatoria riceveranno un premio speciale, tutti gli altri, compresi i non residenti, un diploma di partecipazione. A quanto c’è scritto nel comunicato, con questo concorso s’intende “rispondere alla mentalità corrente che vorrebbe eliminare le antiche tradizioni cristiano-cattoliche italiane”.

   

 

 

       
       

 

  

Letto 840 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.