Antonio Del Vecchio
10/12/15

Il Presepe Vivente di Rignano, capofila nella rete promossa dalla Regione Puglia*

Il Presepe Vivente di Rignano, capofila nella rete promossa dalla Regione Puglia*

RIGNANO GARGANICO I Presepi Viventi di Rignano Garganico, Canosa di Puglia e Deliceto rinnovano il gemellaggio tra le rispettive comunità e associazioni e lo fanno con una conferenza stampa che si terrà a Foggia, presso Palazzo Dogana, il 14 dicembre alle ore 10.30.

Saranno presenti oltre ai presidenti delle Associazioni, Giuseppe Palladino, Benvenuto Baldassarre e Mario Papagna anche i rappresentanti delle Istituzioni dei rispettivi Comuni, della Provincia, dell’ente Parco e del Gal. “Siamo tutti fratelli” è il tema scelto per l’occasione. Un tema attualissimo, dopo gli sconvolgenti episodi di violenza nel mondo. Il Presepe Vivente di Rignano Garganico giunto quest’anno alla XVII edizione, nasce nel 1998 come progetto scolastico dell’Istituto Comprensivo “San Giovanni Bosco”. Negli anni, grazie alla collaborazione con gli Enti e con le Associazioni, ma soprattutto grazie ai cittadini, la rappresentazione è cresciuta e si è arricchita tramite un sapiente lavoro di ricerca storica, di tutti gli usi e i costumi propri della vita quotidiana, lavorativa e famigliare degli anni ’30. Per tutte queste sue caratteristiche, nonché per la bellezza e il fascino di Rignano Garganico, il “balcone delle Puglie”, il Presepe è capofila della Rete dei Presepi Viventi di Puglia, un importante progetto dell’Assessorato al Turismo, Cultura e Mediterraneo della Regione Puglia. L’edizione 2015\2016 vedrà il via il 19 dicembre alle ore 9.00 per le scolaresche, in cui il Presidente dell’Associazione e i rappresentanti delle istituzioni taglieranno il nastro e proseguirà nei giorni 26 e 27 dicembre e io 6 gennaio dalle ore 16.00 Da 6 anni si rinnova il gemellaggio con il Presepe Vivente di Deliceto. Il Presepe di Deliceto, giunto alla XXIX edizione, nasce alla fine degli anni ’70, per valorizzare il Convento di Maria SS. della Consolazione e far conoscere l’operato di due tra i più grandi Santi della chiesa cattolica: Sant’Alfonso Maria De’Liguori e San Gerardo Maiella. Qui Sant’Alfonso ha composto “Tu scendi dalle stelle” e “Quann nascette Ninne”. L’allestimento del Presepe, con un percorso che va dal castello normanno al centro storico, mostra, attraverso la ricostruzione delle scene di vita quotidiana, la differenza tra la vita popolana e quella borghese e si svolge nei giorni 26 dicembre e 6 gennaio. Lo scorso anno i Presepi di Rignano Garganio e Deliceto hanno visitato il Presepe Vivente di Canosa di Puglia, giunto alla X edizione. In un’area di interesse archeologico di circa 12000 metri quadri, oltre 300 figuranti di ogni età animano le scene di vita quotidiana della Betlemme di 2000 anni fa. Quest’anno la rappresentazione si svolgerà nei giorni 26 – 27 – 29 30 dicembre e 2 – 3 – 5 – 6 gennaio.

N. B. * Comunicato stampa diffuso dal Comitato Promotore. Nella foto: il calzolaio (Pierino De Angelis) nella I edizione, 1998 (vedi v. Natale/Tra ieri e oggi/Tradizioni, usi e costumi di Rignano Garganico, Regione Puglia – Assessorato alla P.I, 2000, rintracciabile in tutte le Biblioteche Nazionali)

 

Letto 877 volte Ultima modifica il Venerdì, 11 Dicembre 2015 10:45
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.