Antonio Del Vecchio
20/11/15

Museo Emigrazione Sud –Est Barese: in funzione a pieno regime a Mola di Bari di Jonh R. Ferrara

Museo Emigrazione Sud –Est Barese: in funzione a pieno regime a Mola di Bari

MOLA DI BARI. Inaugurato il Laboratorio-Museo dell'Emigrazione del Sud Est Barese anche a Mola di Bari. Il museo è fruibile gratuitamente ogni lunedi e mercoledi dalle 10,30 alle 12,30 e ogni venerdi dalle 18,00 alle 20,00, presso il primo piano del Castello Angioino-Aragonese sito  in Via Colombo, 19. 

Nell'ambito del Natale 2015 la Proloco ha aderito all'evento "Natale a Mola", organizzato dall'Amministrazione Comunale in collaborazione con il comparto produttivo molese, programmando un calendario di aperture straordinarie del museo: a partire da domenica 13 Dicembre 2015 fino a domenica 3 Gennaio 2016 dalle 18,30 alle 20,30. Il museo sarà aperto anche martedì 8 Dicembre 2015 e mercoledì 6 Gennaio 2016. A partire da lunedi 16 Novembre 2015 abbiamo ripreso l'attività di ricerca, raccolta, archiviazione e digitalizzazione del materiale che implementerà il nostro museo. Nell'ambito del progetto di Alternanza Scuola-Lavoro "Frontiers: un ponte tra passato e presente" della durata di 100 ore, gli studenti della classe IV C del Liceo Linguistico "E. Majorana-L. Da Vinci" di Mola di Bari stanno collaborando al lavoro di gestione e animazione del Laboratorio Museo dell'Emigrazione del Sud Est Barese. Per contribuire alla crescita del nostro Museo basta contattarci al seguente indirizzo di posta elettronica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. o recarsi in sede, presso Piazza XX Settembre, 62 (ex biblioteca comunale) ogni giorno dalle 10,00 alle 12,00 e dalle 17,00 alle 20,00.
A breve tutti i contenuti del museo saranno visibili sul sito internet www.labepuglia.it

Letto 778 volte Ultima modifica il Venerdì, 20 Novembre 2015 09:39
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.