Antonio Del Vecchio
24/09/15

Da ottobre, i corsi del Mad, diretti da Angelo Gualano arrivano anche a San Marco in Lamis di Samantha Berardino

 SAN MARCO IN LAMIS. Quando sta per ricominciare l'anno scolastico del Mad Music School a Mattinata, una  grande novità targata MAD si appresta a farsi strada sul Gargano.

Sotto la direzione artistica di Mattinata, infatti, una piccola succursale del MAD apre quest'anno i battenti anche a San Marco in Lamis, con sede in via Monsignor Farina, 1 e con la direzione dei corsi a cura dell'apprezzato Maestro Angelo Gualano.A partire da ottobre infatti, dopo tanti anni di collaborazioni e incontri, anche la cittadina di San Marco ospiterà corsi di batteria (tenuti dal direttore artistico Pasquale Arena), basso (a cura di Marco Tricarico), chitarra (con il maestro Luigi Pagliara), canto (con l'insegnante Cristina Bisceglia), piano, synth e computer music (a cura proprio di Angelo Gualano).“Con la nuova sede di San Marco in Lamis abbiamo voluto aprire le porte del Mad anche ai giovani musicisti di altre realtà del Gargano, magari impossibilitati a spostarsi verso Mattinata - spiega il direttore artistico della scuola Pasquale Arena - favorendo un percorso di apertura su tutto il territorio, sempre con grande attenzione alla qualità, ai laboratori e all'esperienza musicale in seno più ampio”. Le iscrizioni sono già aperte, basta contattare Angelo Gualano (responsabile corsi San Marco in Lamis) al 333.11 05 890 oppure scrivere una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 567 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.