Antonio Del Vecchio
20/06/15

Niente Scanner , niente rinnovo per le patenti di guida all'Asl di Rignano Garganico

Rignano G. A sx sub-sede dell'Asl Rignano G. A sx sub-sede dell'Asl

RIGNANO GARGANICO. Trattandosi di procedura online, è  un’impresa per davvero  ardua  rinnovare la patente  di guida automobilistica, a Rignano Garganico. E questo perché gli uffici Asl del posto sono sprovvisti di idonee attrezzature informatiche, come per esempio uno scanner.

Strumento, quest’ultimo, indispensabile, come risaputo, per la trasmissione al Ministero dei Trasporti della relativa documentazione e la ricezione dell’apposita ricevuta di conferma.  Tutto questo accade  per le novità normative in vigore dallo scorso anno. Infatti, a partire dal 9 gennaio 2014, in virtù dell’apposito decreto ministeriale sono cambiate le vecchie procedure. La principale novità introdotta, che interessa circa 5 milioni di italiani (questo il numero medio di patenti da rinnovare annualmente in Italia) è stata  l’avvenuta abolizione del classico talloncino di rinnovo, che ognuno di noi riceveva per posta e che doveva essere apposto sulla patente di guida. Ora ad ogni rinnovo corrisponderà il rilascio di una nuova patente in formato tessera con dati e foto quindi costantemente aggiornati. Tutto questo costa e comporta innumerevoli disagi. Vediamo il perché. Al momento della visita, per quanto di competenza del Ministero, è necessario portare: l'attestazione del versamento di € 9,00 sul c/c 9001 e € 16,00 sul c/c 4028 (bollettini prestampati in distribuzione presso gli uffici postali e gli uffici motorizzazione);  una foto recente formato tessera. Il medico trasmette al Ministero in via telematica il certificato medico, la foto, la firma e gli estremi dei versamenti. Se la visita ha esito positivo, il medico stampa la ricevuta di avvenuta conferma di validità e la consegna all'interessato, la ricevuta è valida per la circolazione fino al ricevimento della nuova patente. Successivamente il Ministero invia una nuova patente all'indirizzo del titolare indicato in fase di rinnovo, tramite posta assicurata con spese a carico del destinatario.  Ora tutto questo a Rignano è reso impossibile per l’assenza di uno scanner. Per cui gli automobilisti interessati, per raggiungere lo scopo,  sono costretti ad avvalersi della struttura sanitaria  pubblica o la più costosa agenzia automobilistica, entrambe attive presso la vicina San Marco in Lamis, procurando così insopportabili disagi alla comunità. Per quanto riguarda il servizio privato, al costo riferito sopra bisogna aggiungere quello per la visita medica che è di €. 35,00. Ma non è finita. Per entrambe le operazioni bisognerà versare la somma di € 6,80 al postino per il ritiro dell’assicurata contenente il documento. In tutto fanno circa € 70.00, comprese le restanti spese postali. Insomma, un altro “salasso” per il contribuente che prima non c’era e che ora servirebbe solo per fare cassa, non si sa per chi e per che cosa. Per di più al danno si aggiungerebbe anche la beffa, ossia la novella tessera non avrebbe più la valenza di una carta d’identità. Infine, si è appreso che l’ufficio sanitario rignanese, sin dallo scorso anno, avrebbe segnalato  la vistosa disfunzione, senza ricevere una immediata risoluzione del problema. Da qui il sollecito all’autorità superiore interessata.  

Letto 1037 volte Ultima modifica il Sabato, 20 Giugno 2015 10:06
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.