Antonio Del Vecchio
02/09/14

Esenzione totale della Tasi? Lo deciderà “ad horas” il Consiglio Comunale di Rignano G.

Rignano Garganico. Panorama da Est Rignano Garganico. Panorama da Est

RIGNANO GARGANICO (adv). Dopo le salate e discusse bollette dell’Acquedotto Pugliese (AqP), in linea di massima pressoché raddoppiate, secondo gli esperti locali non tanto  per via dei costi del consumo quanto dei servizi, ora i contribuenti di Rignano Garganico possono finalmente gongolare di gioia e guardare al futuro con più speranza.

Tutto questo lo si deve ad una bella notizia pervenuta loro dagli ambienti municipali e confermata dallo stesso Sindaco Vito Di Carlo. Si tratterebbe dell’abolizione totale della Tasi, ossia la Tassa sui Servizi Indivisibili, istituita dalla legge di stabilità 2014. Vi si farà fronte forse accedendo ad altre entrate (Pale eoliche?). La stessa riguarda i servizi comunali rivolti alla collettività, come ad esempio l’illuminazione pubblica,  la manutenzione delle strade cittadine e i servizi cimiteriali. Soggetto passivo della stessa, come noto,  non è solo il proprietario a qualsiasi titolo dei fabbricati, ivi compresa l’abitazione principale, le aree scoperte e le aree edificabili, a qualsiasi uso adibiti, ma anche l'affittuario. La legge infatti stabilisce che nel caso in cui l’unità immobiliare è occupata da un soggetto diverso dal titolare del diritto reale sull’unità immobiliare, quest’ultimo e l’occupante sono titolari di un’autonoma obbligazione tributaria. L'occupante però verserà solo una parte del totale compresa fra il 10% ed il 30% secondo quanto stabilito dal Comune nel regolamento della Tasi. Comunque sia di tutto questo se ne saprà di più dopo il Consiglio Comunale, convocato, giovedì 4 settembre, con inizio alle ore 19.00 presso la residenza municipale. Ecco gli argomenti da trattare, dopo le solite comunicazioni, interpellanze, interrogazioni e l’approvazione dei verbali della precedente  seduta:  Regolamento Tasi e determinazione aliquota; approvazione nuovo Regolamento per il funzionamento del Consiglio

Letto 1137 volte Ultima modifica il Martedì, 02 Settembre 2014 06:21
Vota questo articolo
(2 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.