Antonio Del Vecchio
03/07/18

Prima oasi in Puglia per cani senza gabbie, a Cerignola

CERIGNOLA. È stata inaugurata il 30 giugno la prima Oasi senza gabbie di Puglia alla presenza del Sindaco e di Metta e dell'amministrazione comunale.
L' oasi non si baserà più esclusivamente sui fondi comunali per il randagismo ma mira ad offrire servizi alla popolazione, fino ad arrivare a debellare il randagismo e mantenersi da sola con una ampia offerta di servizi alla popolazione, che vanno dall'asilo per cani alle attività educative per le scuole e le famiglie con animali. E' stata realizzata e sarà gestita in comodato d'uso dall'associazione Gli amici di Balto. "L'oasi" spiega la Presidente Chiara Valentino, "nasce dall'idea che quelli che oggi sono canili devono trasformarsi in luoghi più umani senza gabbie dove gli animali, liberi in piccoli gruppi da 4-5 cani compatibili, devono esclusivamente transitare e non restarci a vita. La riconversione dei canili è uno dei punti cardine del nostro progetto "Zero cani in canile" che finalmente può ora realizzarsi con questa oasi. Dopo la profilassi i cani che saranno ritenuti idonei saranno adottati, mentre i fobici reimmessi nel loro territorio, monitorati dai volontari. Questo è possibile in quanto la popolazione è stata educata alla convivenza con gli animali e quindi non abbiamo il problema delle uccisioni dei branchi liberi". Cerignola è il secondo territorio più esteso d' l'Italia con alta percentuale di aree rurali pertanto c'è presenza di popolazione canina inselvatichita e quindi inadottabile. L'Oasi avrà anche un'area dedicata ai cani disabili e non prevede cucce ma casette, spazi alberati e per l'estate piccole piscine dove gli animali potranno rinfrescarsi. È prevista la costruzione di un anfiteatro per le attività educative e un asilo per cani. Sarà un centro polifunzionale di natura sociale aperto a tutti dove si terranno corsi e si educherà la popolazione alla corretta convivenza con gli animali, vera causa di abbandoni e maltrattamenti animali. 
 
N.B. Comunicato stampa della organizzazione
Letto 136 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.