Antonio Del Vecchio
24/02/18

Grande successo partecipativo anche per la coalizione di Centro-sinistra, a Rignano Garganico

RIGNANO GARGANICO. In vista delle Elezioni Politiche del 4 marzo, platea piena anche per la Coalizione di Centro-Sinistra, a Rignano Garganico.

L’incontro, promosso dal locale PD si è svolto ieri sera nella Sala Consiliare. Ad aprire i lavori, in qualità di padrone di casa, è stato il giovane sindaco della cittadina, Luigi Di Fiore, che si è limitato a porgere i saluti e a dare il benvenuto ai candidati. Tutto questo serve, a suo dire, a dare lustro e conforto all’amministrazione, in quanto crea rapporti positivi da centro e periferia. In sintonia si è espresso pure il v.sindaco Emanuele Di Fiore, che non ha nascosto le sue simpatie per la componente dei Socialisti Dauni, impegnata nella lista “Insieme”. Giosuè Del Vecchio, assessore unico al Comune, ha sottolineato la sua coerenza politica e vicinanza all’assessore regionale Leo Di Gioia, di cui è stato sostenitore sin da tempi non sospetti ed è perciò che si muoverà con pari impegno per il successo di Rosario Cusmai, candidato alla Camera, presente in sala. A prendere il microfono è stata poi la volta di Matilde Luciani, giovane ed attiva segretaria del locale PD, che ha spaziato sui temi politici nazionali, evidenziando con parole povere e piane la bontà ed importanza del programma della coalizione politica nazionale, che punta a proseguire il cammino di soluzione dei problemi che attanagliano l’economia italiana, a cominciare dal lavoro e dai giovani, i cui risultati positivi, secondo le statistiche, sono già alla mano e non vanno assolutamente bloccati. Subito dopo ha preso la parola, per i saluti, Pino Lonigro, già consigliere regionale e presidente dei Socialisti Dauni, spiegando ad una ad una le ragioni dell'adesione al movimento "Insieme" . Razionale, preciso e puntuale, è stato, invece,  il discorso tenuto dal candidato al Senato, Massimo Russo, docente di Statistica all’Università di Foggia, che ha puntato mente e cuore sulla necessità di preparare una classe dirigente sempre all’altezza del tempo ed in linea con i primi attori internazionali che si occupano di economia a livello scientifico e tecnologico. Senza di questo la politica resterà monca e senza prospettiva. La Capitanata e la Puglia hanno bisogno di essere rappresentati in Parlamento, onde evitare che le proprie risorse umane e territoriali rimangano inutilizzate o sotto utilizzate e lo sviluppo bloccato. Quindi, è salito il cattedra il Cusmai, che si è detto felice di trovarsi a Rignano, un paese che a lui è assai caro, per gli innumerevoli amici e la frequentazione che ha e continuerà ad alimentare. Sui temi generali, si è soffermato anche lui sul tema lavoro e sulla occupazione giovanile. Una battaglia, quest’ultima, che va sostenuta concretamente e non solo propagandata, perché la soluzione definitiva della questione, significa sviluppo del mezzogiorno, fare stare bene la gente e superamento della paura del diverso su cui stanno speculando gli avversari politici del momento. Insomma, Renzi piace ancora e serve all’Italia. Serve perché ha al suo fianco  uno staff governativo , giovane, capace ed entusiasta, la voglia di cambiare ed innovare e soprattutto un  programma sempre realistico ed aggiornato.

Letto 367 volte Ultima modifica il Sabato, 24 Febbraio 2018 18:32
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.