Antonio Del Vecchio
19/02/18

Mercoledì 21, alle ore 17,00, anche il Centro-Sinistra scende in campo, a Rignano Garganico

RIGNANO GARGANICO. Verso le elezioni politiche del prossimo 4 marzo prossimo anche la coalizione di Centro-sinistra (Pd, Insieme, Europa Emma Bonino e Civica Popolare Lorenzin) incontrerà i cittadini di  Rignano Garganico.  

Si tratta del secondo incontro, dopo quello già assolto dal Centro-destra con il deputato uscente, Angelo Cera. Come la precedente, l’assise avrà luogo nella Sala Consiliare del Municipio, mercoledì 21 febbraio, alle ore 17,00. A renderlo noto è una locandina, diffusa in ogni dove, dalla medesima coalizione. Ad essa parteciperanno, anche esponenti dell’Amministrazione Comunale cittadina, alcuni si dicono invitati. Comunque sia, ecco di seguito gli interventi previsti:   Matilde Luciani, segretaria cittadina del PD; Luigi Di Fiore, sindaco di Rignano; Emanuele Di Fiore, suo vice, dei Socialisti Dauni, schierati come noto con la lista “Insieme”; Giosué Del Vecchio, assessore comunale (pupillo dell’assessore regionale Leo Di Gioia). Sarà, poi, la volta dei candidati Rosario Cusmai (attuale v. presidente della Provincia) che corre per la Camera e di Massimo Russo, per il Senato. Dopo di che saliranno in cattedra: Pino Lonigro, già consigliere regionale ed attuale Presidente dei Socialisti Dauni; Pippo Liscio, coordinatore di Civica Popolare; Raffaele Piemontese, duplice assessore alla Regione Puglia.   

Letto 397 volte Ultima modifica il Lunedì, 19 Febbraio 2018 11:49
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.