Antonio Del Vecchio
03/02/18

Grande successo ha avuto l’incontro sull’agricoltura sociale, a Rignano Garganico

RIGNANO GARGANICO. Minori e disabili non saranno più soli ed abbandonati a se stessi, ma diventeranno presto soggetti attivi del loro recupero ed inserimento nel sociale, a Rignano Garganico.

Il riferimento è al progetto “Essenzialmente Vivaio – Vivere l’inclusione, valorizzando attività innovative diorto di aiuto, presentato, ieri sera, ad una platea selezionata ed attenta  presso la Sala Consiliare del Comune. A prendere la parola per primo è stato  il sindaco Luigi Di Fiore, che, oltre a dare il benvenuto , si è detto assai felice di fornire il supporto comunale  ad una iniziativa di grande spessore umano  e culturale, come quella in predicato, finalizzata al recupero al lavoro e al sociale di cittadini sfortunati ed esclusi dal vivere comune della società. In sintonia si è espresso, oltre al vice-sindaco Emanuele Di Fiore e all’assessore all’agricoltura, Giosuè Del Vecchio, anche il sindaco di San Marco in Lamis, Michele Merla. Quest’ultimo ci ha tenuto a sottolineare che il progetto in parola,oltre a soddisfare una esigenza assai avvertita nell’ambito assistenziale del Piano di zona, qualifica il territorio o lo riscatta in senso positiva l’immagine del Promontorio, caduta in ribasso dopo la strage mafiosa dell’estate scorsa. La parola è poi passata ai relatori protagonisti, Giovanni E. Battista Terrenzio titolare dell’Azienda “Viavai Villanova” che ospiterà la sperimentazione in parola e Assunta di Matteo, pedagogista clinica responsabile della rete che coinvolge, oltre al Comune di Rignano, l’associazione S.U.D.(Solo Uguali Diritti) e Sesamo Sofware. A loro dire, l’obiettivo primario del progetto è quello di “accrescere nonché sperimentare i servizi di supporto di 4 miniri e 10 giovani disagiati (ma ne saranno molto di più se entreranno a fare parte i Comuni di  S.Marco in Lamis, San Giovanni Rotondo e di Dannicandro G.). Si opererà attraverso interventi socio-educativi e riabilitativi strutturati nell’orto di aiuto con il sapere e il sapere fare di una équipe multidisciplinare e degli agri-tutor    che sono gli agricoltori pensionati volontari. Dopo l’iniziale sperimentazione (si parla di sei mesi) si intende costituire una cooperativa che si occuperà della fase di  trasformazione delle piante officinali prodotte e della commercializzazione degli oli essenziali. E questo con la partecipazione dei disagiati interessati. L’azienda dei Terrenzio insiste su una superficie di 100 ettari irrigui, occupandosi, in parte di attività olivicola e di frantoio e di tutta la filiera orticola sino alla quinta gamma, coltivando a rotazione i terreni per le produzioni estive e invernali (pomodori in specie datterini, spinaci, broccoli, melanzane, zucchine, ecc.). Tutti i prodotti sono certificati bio. Da qualche anno funziona un salsificio e un caseificio. L’azienda ha ottenuto anche riconoscimenti ISO 14000 e GlobalGAP, certificata da Icea secondo le direttive europee al riguardo. É  dagli esperti un’azienda modello da sempre attenta al rispetto dell’ambiente e della legalità. Oltre ai vivai dei prodotti orticoli, ubicati nei pressi della SP pedegarganica, per le piante officinali (rosmarino, timo, menta, lavande, ecc.) ci si avverrà della contigua area. Il progetto in parola si inserisce nella rete nazionale delle ‘Fattorie sociali’, costituita da 300 aziende , che danno lavoro a trentamila addetti per un fatturato di oltre duecento milioni di euro.    

Letto 624 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.