Antonio Del Vecchio
19/01/18

Continuano gli sbarchi massicci dei migranti sulle coste italiane?

Foto: Pietro Serra, Presidente dell'AFI Foto: Pietro Serra, Presidente dell'AFI

RIGNANO GARGANICO. In mattinata ci è pervenuto in redazione il seguente e preoccupante comunicato stampa da parte di Pietro Serra di Alternativa Futura per l’Italia(AFI), così si firma, che pubblichiamo di seguito per dovere di cronaca, con l’unico dubbio sulle cifre, non confortate con dati ufficiali resi dalle autorità preposte.

Forse per dimenticanza. Comunque sia ecco il comunicato: <<«Nemmeno il maltempo ha bloccato l'ondata di migranti che dal Mediterraneo hanno raggiunto la Sicilia. Sono infatti oltre 1600 quelli già sbarcati o in viaggio verso i porti italiani». Lo scrive Pietro Serra, presidente nazionale di Alternativa Futura per l'Italia. «Nelle ultime ore sono arrivati a Catania 513 migranti, mentre a Palermo ne sono approdati 210, 177 ad Augusta e altri 420 persone sono a bordo della Sea Watch 3, nave di una Organizzazione Non Governativa, come la Open Arms a bordo della quale ci sono ulteriori 315 migranti e tre salme». E prosegue: «Non viene dato a sapere quanti minori sono sbarcati, per cui ・ conclude -, la cifra calcolata sui maggiorenni oscilla quotidianamente tra i 52.800,00 € e i 65.600,00 €. Ovvero da 1.636.800,00 € a 2.033.600,00 € mensili, da 19.272.000,00 € a 23.944.000,00 € annui». UFFICIO STAMPA "ALTERNATIVA FUTURA PER L'ITALIA">>.

 

Letto 192 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.