Antonio Del Vecchio
11/01/18

La lista civica "Uniti per cambiare" risponde ai Consiglieri di Minoranza, ad Apricena

APRICENA. Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa inviatoci dalla lista Civica "Uniti per cambiare" di Apricena relativo ad una interrogazione avanzata nei giorni scorsi dai consiglieri comunali di minoranza.

<< Egregi consiglieri Comunali di Minoranza, alla presente alleghiamo risposta che per iscritto il responsabile del settore igiene urbana vi ha gia inviato per mail e pec lo scorso 4 gennaio 2018 (prot. 228 del 4/01/2018), inerente i fantomatici problemi da voi sollevati, del centro raccolta rifiuti. Probabilmente eravate più impegnati a inventarvi le altre bufale da cavalcare su fb e non ve ne siete accorti della risposta istituzionale. Il Comune la risposta l'ha inviata anche per conoscenza al Prefetto, cosa che voi non avete fatto perchè noi rappresentiamo una ISTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA e non nascondiamo nulla. TUTTO E' TRASPARENTE!! Per quanto riguarda la diffida della Provincia di Foggia su dei crediti che loro vantano, come sapete benissimo l'Amministrazione comunale ha bloccato i pagamenti visto che vantiamo NOI come Comune dei crediti ben piu' vecchi. Siete talmente in mala fede che anche in questo caso fate finta di non sapere per cercare di ottenere qualche "mi piace" in piu' dei pochi che vi sono rimasti. In consiglio Comunale, qualche mese fa il Sindaco vi comunico di aver dato mandato ai legali dell'ente per recuperare le somma a noi dovute, in particolare: 1. Mancato pagamento delle utenze presso la palestra padre pio dove fanno educazione fisica i ragazzi delle scuole superiori. La scuola è di proprietà del Comune che presta da anni la palestra alla provincia. La provincia da 6 anni inspiegabilmente non vuole pagare le utenze, cosa che prima faceva regolarmente. Il comune vanta crediti per decine di migliaia di euro. 2. La provincia non taglia l'erba del giardino delle scuole superiori, di competenza della provincia, spesso nei mesi estivi li si forma una foresta di erbacce con ratti, serpenti, problema per la pubblica incolumità. La provincia fa finta di non sentirci, non interviene mai; Il Comune è intervenuto con delle ordinanze sindacali per ripulire e proteggere la salute pubblica, a propria cure e spese, chiedendo il rimborso che la Provnica non ha mai dato. Il Comune vanta crediti per decine di migliaia di euro. 3. Via Modena, ex ragioneria. Per anni data in comodato d'uso gratuito dal Comune alla Provincia. Quando la Provincia l'ha restituita al Comune , l'ha riconsegnata in condizioni devastanti, distrutta. Il Comune ha subito un decadimento del proprio patrimonio. Abbiamo attivato le procedure legali di legge. Il Comune vanta crediti per piu' di 100.000 euro. 4. Alla Provincia abbiamo anche chiesto di sistemare la famosa tensostruttura/palestra a fianco delle scuole superiori, ma come tutti sanno li giace da anni uno scheletro di ferro che danneggia oltre tutto il decoro urbano della nostra città. Tutte queste segnalazioni sono state puntualmente denunciate almeno per tre anni (come da fotto allegate, ATTI PUBBLICI, TRASPARENZA ASSOLUTA!!), senza avere riscontro alcuno . Quindi la domanda nasce spontanea cari consiglieri comunali di minoranza: se il Comune vanta crediti da anni dalla provincia puo' mai pagare i crediti che la Provincia chiede al Comune? La pratica da anni è nelle mani degli avvocati, anche perchè si tratta di gestione di soldi pubblici, non vorremo mica buttare altri soldi pubblici dopo aver visto quanto accaduto col carcere, lo stadio del marmo, il buco gema che ci hanno lasciato i vostri amici, etc.. Comunque ne parleremo bene in campagna elettorale. Non vediamo l'ora. Non abbiamo niente da nascondere, anzi siamo un libro aperto...>>.

Letto 506 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.