Antonio Del Vecchio
10/01/18

Slezione di 4 unità per il servizio Civile-Garanzia Giovani, a Foggia

FOGGIA. Il progetto G.P.P. 4 N.E.E.T. si pone l’obiettivo generale di educare al consumo consapevole i privati cittadini e le imprese produttrici di beni e servizi, attraverso l’esempio concreto di quegli Enti Pubblici (in particolare Amministrazioni Comunali e Istituti Scolastici) che intendono introdurre, in linea con le recenti normative, Criteri Ambientali Minimi nei propri acquisti. Si intende diffondere le buone pratiche già adottate, o in fase di implementazione, dalla P.A. in materia di Green Public Procurement (Acquisti Verdi) e di attenzione alla sostenibilità, con la finalità di trasferirne i principi allo “stile di consumo” del privato cittadino, nonché ai cicli produttivi delle aziende del territorio, in una logica di filiera dal produttore al consumatore. Le domande devono pervenire:-        via pec oppure-        a mezzo posta raccomandata (non farà fede il timbro postale) oppure -        a mano presso la sede legale di AFORIS – Impresa Sociale viale Colombo, 13 – Foggia, entro e non oltre le ore 14.00 del 05 febbraio 2018. Per i volontari è previsto un assegno mensile di € 433,80.I volontari saranno selezionati secondo i criteri dell’Ufficio Nazionale per il Servizio Civile (Decreto Direttoriale 173/2009).

 

Possono partecipare alla selezione i giovani, che alla data di presentazione della domanda abbiano compiuto il diciottesimo e non superato il ventottesimo anno di età, iscritti al PROGRAMMA GARANZIA GIOVANI in possesso dei requisiti riportati nel


 

 

Letto 107 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.