Antonio Del Vecchio
03/01/18

Aforis, parte il progetto “Prodotti Organici Sostenibili per il Territorio”, a Foggia

FOGGIA. In Provincia di Foggia prime attività del nuovo progetto “Comunicazione sui Prodotti Organici Sostenibili per il Territorio”.

Quattro i volontari selezionati (un ingegnere, un agronomo e 2 economisti), già impegnati da oltre un mese nelle attività del progetto di Servizio Civile NazionaleCOM.P.O.S.T. – COMunicazione sui Prodotti Organici Sostenibili per il Territorio”. L’ente che realizza il progetto è A.FO.RI.S., realtà attiva da vent’anni nella consulenza e formazione in campo ambientale ed energetico, da sempre impegnata nella realizzazione di progetti per lo sviluppo sostenibile e l’eco-gestione, nonché di progetti specifici nell’ambito del Servizio Civile. Partner coinvolti sono: Acquedotto Pugliese SpA, Consorzio Italiano Compostatori, Progeva Srl, Club Emas ed Ecolabel Puglia, le Amministrazioni comunali e il consorzio pubblico-privato E.D.E.N. Energy Demontration and Education Network. EDEN, consorzio presieduto dall’Università di Foggia, gestisce il C.R.E.D.E.A. (Centro Risorse Educative e Dimostrative per l’Energia e l’Ambiente ), deputato ad essere una delle sedi di svolgimento delle attività di progetto. Infatti, presso il C.R.E.D.E.A. è ubicato, nel Parco FER che ospita vari impianti dimostrativi sulle energie rinnovabili l’impianto dimostrativo di compostaggio di comunità, realizzato nell’ambito del progetto “Nella Pancia o nella Terra” con l’intento di favorire il recupero e valorizzazione degli scarti alimentari, promuovere l’auto-produzione di compost agricolo e stimolare comportamenti virtuosi da parte dei cittadini. Analogamente, il progetto COM.P.O.S.T. si pone l’obiettivo di sensibilizzare la comunità locale, con particolare riferimento alle istituzioni scolastiche, attraverso la realizzazione di attività ed eventi di divulgazione, educazione ed in-formazione proprio sul fronte del compostaggio di prossimità (tecniche e tecnologie per il compostaggio,qualità della frazione organica dei rifiuti solidi urbani da raccolta differenziata, comportamenti ed abitudini “errate” nel conferimento dei rifiuti e nell’utilizzo degli scarichi idrici, ripercussioni a valle della gestione del ciclo dei rifiuti e  valorizzazione di risorse recuperabili). Con la finalità di promuovere la cultura della tutela ambientale ed, in particolare, del territorio di appartenenza, nonché orientare la collettività verso un più consapevole rispetto per l’ambiente e l’ecosistema.Il compostaggio è un processo che l’uomo imita dalla natura: grazie a questo si riproducono, in forma controllata e accelerata, i processi naturali che trasformano la sostanza organica in humus. Da tale processo si ottiene  il compost, ottimo ammendante per la valorizzazione agronomica dei suoli. Il miglioramento delle performance ambientali del territorio di riferimento del progetto  passa anche attraverso l’attivazione di esperienze di compostaggio di comunità basate su raccolta e recupero della frazione organica da un numero limitato di utenze, per lo più confinate in ambito condominiale, anche in forza delle recenti modifiche alla normativa vigente (Legge nazionale n. 221/2015 “Collegato Ambientale”). La Legge introduce significative semplificazioni dei percorsi autorizzativi e gestionali relativi alla conduzione di attività di questo tipo e forme di sgravio dei tributi comunali a seconda dei livelli di raccolta differenziata raggiunti e certificati dalle Regioni, attraverso la contabilizzazione del materiale destinato a compostaggio domestico nella raccolta differenziata (Decreto del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare del 26 maggio 2016) E' attivo uno sportello informativo e di assistenza presso la sede di AFORIS, in Viale Colombo 13 a Foggia. I volontari del Servizio Civile hanno il ruolo di supporto / accompagnamento. Attraverso attività di front-office e back-office, sono in grado di gestire la domanda di assistenza tecnica ed organizzativa, nonché didattico-metodologica per favorire la realizzazione di progetti di educazione ambientale rivolti a docenti e studenti, realizzando anche attività di monitoraggio e valutazione in merito alle politiche/iniziative attuate dalle amministrazioni pubbliche locali e dalle imprese in materia di recupero e valorizzazione della frazione organica dei rifiuti.

N.B. Comunicato stampa dell’Aforis.

N.B. Comunicato

Letto 65 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.