Antonio Del Vecchio
22/12/17

Primo meeting dei docenti di tedesco alla San Domenico di Foggia. Proposte.

FOGGIA. Si è svolto il 19 dicembre il primo meeting dei docenti di tedesco della Capitanata organizzato dalla Daunia Academy e dalla Scuola di Mediazione Linguistica “San Domenico” di Foggia,
che ha riunito più di venti insegnanti di Foggia e provincia, insieme per provare a delineare le linee future per la didattica di questa lingua.“Rilanciare il tedesco e la cultura da cui proviene e ribadirne l'importanza dal punto di vista lavorativo oggi sono gli obiettivi a breve termine del nostro incontro”: spiega la professoressa Marisa Trigiani. Il supporto allo studio del tedesco negli istituti superiori e a livello universitario e l'approfondimento della lingua, grazie anche a docenti di conversazione e a scambi con la Germania, sono al centro di una serie di interessanti iniziative, promosse dall'Istituto “San Domenico”, importante Goethe Zentrum accreditato dal Goethe-Institut tedesco per le certificazioni di lingua.Tra queste, l'idea di riaccreditare la lingua tedesca, oggi ancora di nicchia e terreno vergine, ma di notevole importanza nel mondo del lavoro, consolidandoil percorso formativo in sinergia con le universitàtedesche, per concludere gli studi con un Master inGermania. Sono stati già formalizzati accordi con l'Università di Duesseldorf e di Zwickau e, apartire dall'anno accademico 2018/19, sarà attivato un Erasmus con laSSML di Monaco, permettendo agli studenti della San Domenico difrequentare il corso di mediazione linguistica in loco. “A tal proposito, la San Domenico – spiega il direttore della SSML Lorenzo Albano - date le precedenti virtuose esperienze di scambi con l'estero, metterebbe a disposizione le proprie competenze per creare nuovi rapporti con la Germania, imbastendo relazioni in diversi settori”.“Tra i progetti della San Domenico per rilanciare la lingua e la cultura germanica ci sono anche iniziative aperte alla cittadinanza, come quella del cineforum”: spiega la professoressa Myrtha Ehlert. In primavera, infatti, sarà proposta una mini rassegna di 6 film in lingua, sottotitolati in italiano, offerti alle scuole, ai cultori e agli appassionati. A fine gennaio, poi, ci sarà un incontro aperto al pubblico con il giornalista Ubaldo Villani Lubelli, docente dell’ Università del Salento, corrispondente estero per diverse testate, storico del diritto ed esperto di politica tedesca ed europea.Infine, mentre gli studenti della San Domenico sono alle prese con la traduzione del libro “Vergessene Kulturen im Monte Gargano” di Adalbert Graf von Keyserlingk, premiato nel 1968 proprio con il “Premio Gargano”, a breve la sua importante documentazione fotografica sarà protagonista di una mostra a Foggia e sul Gargano: un'occasione in più per riscoprire uno sguardo “tedesco” sulla cultura garganica mitologico-religiosa e storico-artistica, forse ormai in parte persa.
 
Comunicato stampa di Samantha Berardino
Letto 310 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.