Antonio Del Vecchio
12/09/17

Giuramento delle Guardie ecologiche, ad Apricena

Il sindaco potenza Il sindaco potenza

APRICENA. Si è tenuto alla Presenza del Sindaco Antonio Potenza, del Vice Sindaco Anna Maria Torelli e dell’ Assessore all’Operatività, Giuseppe GianMaria Leone Solimando il giuramento delle guardie ecologiche di Apricena

che, oltre a dare supporto ai nostri vigili Urbani per il controllo della raccolta differenziata, svolgeranno anche un imponente lavoro di controllo e contrasto nelle zone rurali del Comune contro l’abbandono indiscriminato dei rifiuti. Dopo la 1^ giornata ecologica che ha visto coinvolti cittadini e amministratori, sono state acquistate 10 foto trappole e posizionate in vari punti del nostro territorio. “Con quest’ultimo atto non intendiamo più tollerare l’abbandono dei rifiuti sia all’interno del centro abitato che nelle campagne e nelle strade extraurbane" - dichiara l'assessore Giuseppe Solimando - "saranno applicate sanzioni a tutti i trasgressori e intensificati i controlli. Mi auguro che il 74% di differenziata sia solo un punto di partenza per la nostra Città; è nostra volontà continuare a sensibilizzare la popolazione sull'importanza di avere un ambiente più pulito e consegnare una mentalità di rispetto ambientale nelle odierne e giovani generazioni."-conclude Solimando. " Faccio i miei auguri alle guardie ecologiche per questo nuovo compito utile a tutta la nostra Comunità ” conclude il Sindaco Antonio Potenza.

N.B. Comunicato stampa del Comune di Apricena

Letto 148 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.