Antonio Del Vecchio
01/07/17

II stazione, il 'pensiero' della Confesercenti di Foggia

FOGGIA. Il riavvicinamento dei due mari Adriatico e Tirreno attraverso il completamento dell’alta capacità sulla linea ferroviaria Bari-Napoli è indiscutibile e deve concretizzarsi con la realizzazione della piattaforma logistica in zona Cervaro o Incoronata»

: ad affermarlo Confesercenti p.m.i. di Foggia che interviene sulla vertenza trasporti.Riguardo il trasporto passeggeri il neo presidente dell’Associazione di categoria di Foggia, Alfonso Ferrara, afferma che «è sbagliato proporre una seconda stazione a Foggia, che peraltro non potrebbe coesistere con una stazione per lo scambio delle merci, ma basterebbe prevedere una fermata sul raccordo del Cervaro collegato con la stazione di Foggia e con il centro intermodale stazione Foggia di piazza Vittorio Veneto». Precisa Ferrara, presidente Confesercenti Foggia: «Fatto salvo il meritevole lavoro svolto nel merito dall'on. Colomba Mongiello che condividiamo, nessuno però può e deve parlare a nome del partenariato socio-economico che sull’argomento non si è mai riunito. Una dimenticanza che ha dell'incredibile e che comunque non crea rete sul territorio, sempre auspicata ma che nessuno mette in atto».Da qui la richiesta targata Confesercenti Foggia, «Si convochi celermente il partenariato socioeconomico firmatario dell’accordo Anci Puglia e se ne discuta liberamente senza alcun pregiudizio», conclude il presidente Ferrara.

N.B. Comunicato stampa della Confesercenti di Foggia

 

Letto 43 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.