Antonio Del Vecchio
07/06/17

Dove e che cosa si mangia: una proposta della cucina salentina

LECCE.Quando la cucina tradizionale di una regione incontra lo street food di qualità, possono nascere buone cose.

Così è successo recentemente in centro storico a Lecce, con l’apertura di Mamma Elvira Alla Scisa, la terza attività gastronomica dell’imprenditore Andrea Favale. Si tratta di una paninoteca e cucina da asporto che utilizza unicamente ingredienti tipici dell’eccellenza pugliese, rivisitati in un’ottica di cibo da strada. Una soluzione comoda, semplice e veloce per chi è di passaggio in centro storico e non vuole rinunciare al piacere di gustare un piatto tipico della cucina salentina. Il ritrovo informale dello Street Food Siamo sulla “Scisa de lu Fusulicchiu”, una strada conosciuta a Lecce perché, nella prima metà dell’800, vi abitava Gregorio Sergio, noto personaggio che possedeva una bottega proprio dove adesso si trova il locale. La paninoteca è situata in un’accogliente corte, perfetta per un ritrovo informale e giovane. Simpatiche sedie colorate e bianchi tavolini creano l’ambiente che invita a gustare alcune delle prelibatezze elaborate dal chef Luca, come ilpanino con le bombette o con i pezzetti di cavallo. In questa location Andrea Favale, giovane ma esperimentato imprenditore gastronomico leccese, ha deciso di espandere la sua affermata rete targata Mamma Elvira, aprendo ad un nuovo concetto, unico a Lecce: il cibo da asporto con prodotti tipici salentini di qualità. “L’idea è quella di fornire alla clientela un modo veloce e funzionale per consumare un prodotto tipico locale, come i pezzetti di cavallo, le bombette, le rape, il polipo, etc., insieme a birre artigianali selezionate ed esclusivamente italiane”, spiega Andrea. Un’alternativa di qualità al tradizionale paninaro, il fast food o il kebab, che conquista soprattutto grazie all’originalità degli ingredienti, la genuinità delle materie prime e la ricca selezione di birre italiane. Cibo da asporto Made in Puglia. Tra i panini più apprezzati dai clienti spicca la puccia salentina con radicchio rosso, capocollo croccante e fonduta di caciocavallo, oppure quello a base di scamorza affumicata, cicorielle e una crema di pomodori scattarisciati. C’è anche un hamburger di podolica, e a breve verranno inseriti altri hamburger gourmet; alla Scisa si possono anche gustare dei dolci leccesi, e l’attuale selezione di birra artigianale include più di 15 etichette tutte italiane, tra pale ale, IPA, rosse e dark. I prezzi partono dai 4 euro per i panini cosiddetti “Ignoranti” fino agli 11 euro dell’hamburger, con le polpette di pane e fonduta di caciocavallo a soli 2 euro. Le birre artigianali costano 4-5 euro, ma chi vuole spendere ancora di meno può affidarsi alle classiche lager oppure al vino salentino, con la possibilità di chiudere il pasto con un amaro. Una paninoteca che non fa solo panini, ma un cibo da strada che ripesca le tradizioni del passato e crea qualcosa di nuovo, con tanta attenzione alle materie prime e amore per il Salento. Mamma Elvira Alla Scisa è aperto a pranzo e a cena, ogni giorno tranne il martedì.

 

Letto 629 volte Ultima modifica il Mercoledì, 07 Giugno 2017 07:22
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.