Antonio Del Vecchio
04/04/17

Questa mattina, lezione di legalità alla Caserma dei Carabinieri, a Rignano Garganico

RIGNANO GARGANICO. Questa mattina, lezione dal vivo sulla legalità per gli alunni della  V classe delle Elementari del plesso scolastico “San Giovanni Bosco” in Rignano Garganico.

Lo stesso fa parte dell’Istituto Comprensivo “Balilla – Compagnone – Rignano” con sede nella vicina San Marco in Lamis, guidato dal dirigente scolastico Giuseppe Soccio.  Gli alunni in menzione, accompagnati dalla loro insegnante Annalisa Malerba, hanno avuto modo di visitare da capo a fondo la locale Caserma dei Carabinieri. Tanto col preciso scopo di approfondire e sperimentare di persona  la cultura della legalità. Ad accoglierlo c’era il maresciallo-comandante Francesco Falco e l’appuntato’scelto, Matteo Longo. Ha cominciato il primo col fare la storia dell’Arma, fondata nel 1814,quando era sovrano del Regno Sardo – Piemontese (nucleo originario del futuro Regno d’Italia) Vittorio Emanuele I.  Quindi, il militare si è intrattenuto, sul ruolo ed a indicare i personaggi che ha fatto ‘storia’ e reso illustre la Benemerita, come Salvo d’Acquisto e il Generale Carlo Alberto Della Chiesa, passando poi ad illustrare le varie attrezzature in uso per le ricerche di indagine e di intervento diretto, come le armi,  gli strumenti esplorativi (cannocchiali, misuratori alcool, palette, ecc.), nonché sui mezzi di auto-difesa, come le giubbe e i caschi anti-proiettile, ecc. Successivamente, il discorso si è incentrato sulla normativa e i reati da reprimere, soffermandosi su quelli che possono interessare da vicino scuole ed alunni. Il riferimento è alla droga, al  bullismo, all’abuso di alcool, all’osservanza delle regole di convivenza civile, ecc. Dopo di che gli alunni, resi edotti e sicuri dall’apprendimento preventivo conseguito a scuola, hanno rivolto all’interlocutore perspicaci domande sulla differenza che intercorre, tra le diverse divise e ruoli, in particolare quella della Polizia di Stato, sui principali reati perseguiti durante la loro giornata di lavoro, alle quali sono state date esaustive risposte. Si  sono passati in rassegna i vari locali, a cominciare dalla sala operativa a quelle delle camere di sicurezza, dell’archivio e infine della sala pranzo, dove è stato offerto ai gioiosi e festosi ospiti  una variegata e ghiotta colazione, fatta di dolci e pizzette vari. Nel frattempo è intervenuto anche il sindaco Vito Di Carlo, salutato con scoscianti applausi di affetto da parte della scolaresca e insieme di rispetto istituzionale da parte degli altri presenti.  Ecco i nomi degli alunni: D’Angelo Luigi, Motta Andrea, orlando Luigi, Orlando Maria, Resta Giuliana, Rizzi Raffaella, Vigilante Vittoria, Vincitorio Francesca e Viola Aurora.  

 

Letto 1013 volte Ultima modifica il Martedì, 04 Aprile 2017 12:49
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.