Antonio Del Vecchio
21/03/17

Partecipata festa religiosa in onore di San Giuseppe, a Rignano Garganico

RIGNANO GARGANICO. Dopo il successo ottenuto dalla ‘fanoie, anche la ricorrenza religiosa di San Giuseppe è stata assai avvertita e partecipata.

La manifestazione si è svolta, ieri sera 21 marzo, dalle ore 18 in poi, nella Chiesa di San Rocco, un tempo periferia del paese ed ora centro attivo di vita e di commercio, situato com’è nell’omonimo quartiere assai popolato e ben tenuto per effetto della nuova espansione urbanistica. Il tempio, assai caro alla popolazione, in quanto ospita la statua del Santo patrono, era stracolmo di pubblico di ogni genere ed età come non mai. Ad officiare c’era il parroco don Santino Dibiase che, oltre alla Santa Messa di ringraziamento, ha tessuto le lodi del Santo, sottolineando nell’omelia la esemplare paternità putativa del padre del Cristo che va seguita come esempio corrente in tutte le famiglie cristiane, distolte oggigiorno dal consumismo e dal Dio denaro. Per di più il suo esempio di vita va seguito quanto mai, per via del maschilismo corrente, costellato  di tanto in tanto da episodi eclatanti di violenza contro le donne fino al  femminicidio. Partecipate pure sono state le varie accensioni delle ‘fanoie’, che hanno attirato sul posto non solo i giovani e i ragazzi del luogo (‘piromani’ per natura), ma di tutto il circondario che sono  rimasti a guardare le fiamme fino al loro spegnimento, avvenuto a tarda ora, intervallato dall’avvertita partecipazione popolare alla preghiera e al sacro rito.  

 

Letto 384 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.