Antonio Del Vecchio
10/12/13

Nasce nuovo movimento politico a Rignano, verso una nuova primavera

RIGNANO GARGANICO. Nasce un nuovo movimento politico, a Rignano Garganico. Sarà presentato Domenica alle ore 17.00 presso la sala consiliare cittadina. Stando alle prime avvisaglie contenute in un volantino, il nuovo soggetto si schiererà all’opposizione, per fare politica e dare risposte concrete ”ai cittadini rignanesi e soprattutto a questa amministrazione: assente, incapace di governare e sempre più distante dai reali bisogni dei cittadini, capace solo di guardare ai bisogni strettamente personali!”.

Secondo i bene informati, si tratterebbe dello stesso fronte di opposizione “Rignano Futura”, sconfitto al secondo turno alle ultime amministrative, ad eccezione del candidato sindaco mancato, Angelo Resta.

In sostanza - ci è stato assicurato - il movimento ha intenzione di cambiare oltre al nome (lo si saprà domenica), anche lo stile, l’approccio ai problemi e, in particolare, il ritmo dei suoi interventi che saranno più puntuali, insistenti e decisi. E questo al fine di far sentire il suo fiato grosso sul collo degli amministratori, costringendoli a soddisfare “…le proposte costruttive per il bene del paese e dei cittadini rignanesi, miranti allo sviluppo sociale ed economico”, invogliando, altresì, gli stessi “a chiedere con forza i propri diritti sacrosanti, calpestati da questa amministrazione in modo fazioso, poliziesco e deludente” .

Letto 1208 volte
Vota questo articolo
(1 Vota)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.