Antonio Del Vecchio
08/01/17

Rinviate al 15 le elezioni provinciali, ma a Rignano forse ci si aspettava di più!

Palazzo Dogana, la storica sede della Provincia Palazzo Dogana, la storica sede della Provincia

RIGNANO GARGANICO.  Le Elezioni Provinciali di Capitanata , anziché celebrarsi l’8sono state rinviate al 15 gennaio 2017.

E’ una battaglia vinta a metà per il deputato sammarchese Angelo Cera, intervenuto sul tema in questi giorni con un comunicato stampa diffuso in ogni dove. In esso temeva, infatti, che l’esito sarebbe stato falsato dalla assenza dei vari consiglieri residenti sul Gargano e sui Monti Dauni, bloccati nelle loro residenze dalla neve e dal ghiaccio. Come è noto, Cera, assieme al suo partito l’Udc di Cesa, non solo era un acerrimo nemico del presunto immobilismo dell’Ente in questione, di cui ne aveva chiesto più volte il ricambio gestionale, ma si era schierato in prima fila sul fronte del “No” allo scorso Referendum Costituzionale che ha vinto dappertutto, meno che a Rignano. E ciò nonostante qui l’Udc  si sarebbe mosso più che altrove, per via del suo antico radicamento e dell’alto numero degli oriundi sammarchesi. Al momento non si  conoscono ancora  le cause  della débacle, anche perché nessuna forza politica in campo ha fatto un’analisi del voto, così come si faceva un tempo, quando la politica non era carrierismo ma  passione. Molti si chiedono a che servono queste elezioni, visto che il popolo non solo non è coinvolto, ma addirittura non ne sa niente? E poi perché non  si è inscenato una plateale protesta, visto che la vittoria del Referendum aveva l’intrinseco significato di un ritorno all’antico, ossia al ripristino della funzione delle Province almeno nei campi dove ha fatto bene (Strade, Cultura -Biblioteca, ecc.) e soprattutto all’elezione diretta dei suoi gestori? Ai posteri, dunque,  l’ardua sentenza!

Letto 573 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.