Antonio Del Vecchio
04/12/16

Com’è triste la giornata del voto sul Referendum, a Rignano Garganico!

RIGNANO GARGANICO. Com’è triste la giornata del voto sul Referendum, a Rignano Garganico! Lo è soprattutto per la scelta del luogo, deputato all’uopo.

Infatti, per la prima volta nella sua storia repubblicana, il dovere democratico è esercitato non più nel centralissimo e mastodontico Edificio Scolastico “stile impero” del 1939, bensì nella struttura, architettonicamente scialba ed uniforme, che ospita da qualche anno  il plesso “San Giovanni Bosco”, ubicata in zona periferica. Lo stesso fa parte dell’Istituto Onnicomprensivo “Rignano- Balilla-Compagnone” con sede direzionale, a San Marco in Lamis, struttura similare “non anti-sismica”, costruita anch’essa negli anni ’30.   I votanti, almeno quelli più sensibili e rispettosi delle tradizioni, sono entrati e usciti con il broncio, per non aver potuto dire  il loro “buon giorno” in Largo Portagrande, dove fino allo scorso anno erano abituati ad incontrare amici e passanti, che quivi si riunivano a capannelli per scambiarsi i saluti o i pettegolezzi sugli argomenti del giorno, compresi quelli a carattere politico. Ufficialmente tale trasferimento è stato giustificato  da motivi di mancato riscaldamento, non più assicurato a tempo pieno, come nei tempi andati, allorché la struttura era occupata dalla popolazione scolastica. E allora, perché non si fa marcia indietro? La risposta è una sola: l’edificio non è antisismico. E questo,  nonostante milioni e milioni di vecchie lire e poi di euro spesi nel corso degli ultimi decenni, per ampliarlo e  mantenerlo agibile, capiente e soddisfacente, sotto ogni punto di vista, compreso l’uso  della palestra.

Letto 918 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.