Antonio Del Vecchio
15/10/16

500 euro per neomaggiorenni da spendere in cultura anche ad Apricena

Apricena. L'assessora e v.sindaco A.Maria Torelli Apricena. L'assessora e v.sindaco A.Maria Torelli

APRICENA -  Cinquecento euro all’anno, destinate i neomaggiorenni residenti in Italia, da spendere in Cultura. Dal 15 settembre è attivo il servizio 18app, una iniziativa del Consiglio dei Ministri che, si legge in una nota, nascedall’idea che per ogni euro investito in sicurezza un euro vada investito in cultura” e “vuole dare simbolicamente a ragazze e ragazzi il benvenuto nella comunità adulta dando loro, al contempo, una responsabilità: quella di coerede del più grande patrimonio culturale del mondo”.

“La nostra Amministrazione – spiega l’Assessore alla Cultura Anna Maria Torelli – ha inviato una lettera nelle case di tutti gli Apricenesi che compiono 18 anni entro il 31 dicembre di quest’anno, per informarli su questa opportunità. Contestualmente abbiamo attivato uno sportello informativo presso la sede “Informagiovani” in via Murge 7, presso il Palazzo della Cultura. L’ufficio è aperto dal lunedì al venerdì dalle ore 16.00 alle ore 19.00 ed è possibile contattare anche il numero 366.1139366”.    Con 18app si incentivano i ragazzi a consumare beni culturali e, si spiega ancora, “costituisce un formidabile e mai sperimentato viatico per accelerare il processo di digitalizzazione del nostro Paese”. I neo 18enni potranno spendere questo bonus visitando musei o aree archeologiche, vedendo un film, una mostra o uno spettacolo teatrale, ascoltando un concerto, comprando un libro. / Il bonus può essere richiesto entro il 31 gennaio 2017 e potrà essere speso fino al 31 dicembre 2017, in più occasioni, dai giovani nati nel 1998. /Di seguito si allega la procedura per la richiesta del bonus/ Come funziona / La legge di stabilità ha previsto un fondo di 290 milioni di euro per tutti cittadini residenti nel territorio nazionale che compiono 18 anni di età nel 2016. Ogni diciottenne godrà di un bonus di 500 euro. Per accedere al bonus occorrerà andare su www.18app.it (o www.diciottapp.it) e registrarsi. La webapp sarà collegata a un plafond virtuale che si attiverà a partire dal compimento della maggiore età.
I 500 euro potranno essere utilizzati per acquistare la seguente categoria di prodotti stabilita dal Dpcm di prossima pubblicazione in gazzetta ufficiale: -Biglietti o abbonamenti per cinema e teatro; -Biglietti per concerti e altri spettacoli dal vivo; -Libri -Biglietti per accesso a musei, mostre, aree archeologiche, monumenti, gallerie, fiere culturali, parchi naturali. Entro il 31 gennaio 2017, i ragazzi dovranno iscriversi a Spid, inserendo i dati anagrafici, di residenza e un recapito valido (mail o cellulare), registrandosi on line in uno dei provider abilitati a scelta tra:§  Poste Italiane; §  Aruba; §  Tim; §  Infocer; §  Sielte. A questo punto non resterà che collegarsi al sito www.18app.it dove, inserendo i propri dati Spid, gli utenti potranno entrare nel sistema e visualizzare i 500 euro messi a disposizione a partire dal giorno del loro 18° compleanno e fino alla fine del 2017. La webapp sarà strutturata in modo da operare la scelta per ambito/esercente/bene. Dopo aver fatto la scelta, il beneficiario indicherà data e importo totale del buono. Il sistema genererà un buono (legato all’identità del diciottenne) che sarà univoco e potrà essere salvato in formato pdf o in visualizzazione Qr Code o Barcode. A sua volta l’esercente dovrà inserire la propria partita Iva, il codice del buono e un captcha. Una volta eseguita questa operazione il codice del buono verrà verificato dal sistema che allo stesso tempo controllerà se il buono si riferisce all’esercente corrispondente alla partita Iva indicata. Una volta conclusa l’operazione ci sarà la convalida con l’importo scalato dal borsellino del beneficiario Gli acquisti avverranno in forma digitale oppure presso negozi fisici, mostrando all’esercente il qr code o il bar code per il ritiro dell’acquisto effettuato sull’app. Ogni acquisto può essere effettuato solo per una singola unità, per cui non sarà possibile, ad esempio, generare più di un biglietto per lo stesso spettacolo o mostra d’arte per far entrare amici e parenti.

N.B. Comunicato stampa del Comune di Apricena

Letto 281 volte Ultima modifica il Sabato, 15 Ottobre 2016 08:13
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.