Antonio Del Vecchio
29/09/16

Confesercenti: ecco il perché l'organizzazione foggiana non è scesa in piazza

FOGGIA. In riferimento alla manifestazione svoltasi oggi a Roma, in piazza della Repubblica ed alle dichiarazioni di alcuni esponenti politici, interviene Luigi Rodelli presidente Provinciale di ANVA Confesercenti – la più rappresentativa associazione della categoria .

«La Direttiva Bolkestein non è una manna calata dal cielo che allieta noi imprenditori del commercio su aree pubbliche – commenta - ma non è neanche quella mannaia, come qualcuno vuol fare credere, pronta a decapitare le nostre teste e creare cataclismi all’intero comparto. Noi, come associazione, abbiamo fatto di tutto affinché la direttiva non fosse applicata al commercio su aree pubbliche. I Governi e la Regione Puglia l'hanno “dovuta recepire” e noi abbiamo lavorato, obtorto collo, affinché nessuna delle imprese del settore ne potesse subire un danno». L’Intesa Stato, Regioni, Comuni, siglata nel 2012, va esattamente in questa direzione. Tutti i Comuni, predisporranno bandi per l’assegnazione delle concessioni in scadenza, nel rispetto dell’Intesa raggiunta anche dalla nostra Associazione. Intesa, che basta leggerla, per verificare che tutelerà i diritti acquisiti dagli imprenditori in regola attualmente in attività. «Non è vero – riprende Rodelli - che le concessioni saranno messe all’asta, così come è assolutamente falso che le società di capitali ne potranno fare man bassa. Il nostro è un settore che a causa della incertezza normativa è ingessato da anni, non si fanno investimenti, i mercati si sono dequalificati, le imprese hanno perduto valore. Nel comparto, insieme alle tantissime imprese regolari, ne operano molte abusive. Questi sono i veri problemi. L’attuazione della direttiva porterà ad un gravoso impegno burocratico per Comuni e imprese ma tutelerà tutte le imprese “regolari” e, certamente, garantirà le imprese regolari esistenti. Noi non demonizziamo chi manifesta e cerchiamo di comprenderne le ragioni, ma non possiamo accettare che si dicano cose non vere e ci si lasci strumentalizzare da alcuni partiti che fanno della lotta contro la Bolkestein una speculazione politica. Se la Bolkestein potesse essere cancellata, saremmo i primi a felicitarcene, ma non possiamo accettare che si mistifichi la realtà tentando di lasciare il tutto costantemente “indefinito” tutelando di fatto solo gli abusivi”.

N.B. Comunicato stampa della Consesercenti di Foggia

 

Letto 220 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.