Antonio Del Vecchio
14/07/16

12 Luglio 2016. Rignano Garganico perde il suo bene più prezioso: L'ARIA di Antonio Alemanno

Il sito "incriminato" (foto di A. Alemanno) Il sito "incriminato" (foto di A. Alemanno)

RIGNANO GARGANICO. Ieri si è realizzato quello che molti politici locali sapevano da anni.

Per gli interessi di pochi, i cittadini di Rignano Garganico subiranno per chi sa quanto tempo i fumi di combustione dell'impianto di biomasse costruito all'ex - zucchierificio Eridania. Seicentomila euro l'investimento di una società del nord, ultimi conquistadores venuti a piazzare nelle nostre campagne un mostro autorizzato a emanare fumi di ogni tipo. Già oggi Rignano era sotto vento e, come un serpente, una colonna orizzontale di fumo ocra l'ha raggiunta salendo da Villanova. Già oggi sulla Ripa Via Forestelle l'odore di metallo e chimica si è fatto sentire in modo pungente. Se qualcuno l'ha scambiato per stoppie bruciate sappia che si sbaglia. E' invece un segnale di guerra. Fidatevi del vostro olfatto, e poi ditemi se l'aria di oggi pomeriggio era come quella della settimana scorsa! Guardate voi stessi giù verso la pianura. Oppure osservate le foto allegate scattate nelle ultime 24 ore. Sull'argomento c'è un libro di lotte che altri hanno intrapreso a preventivamente.

N.B. L’articolo di cui sopra è apparso sulla pagina di face book del firmatario. Mi associo nella condanna generale sull’inquinamento da bio-masse, ma faccio notare che il sito di Rignano Garganico - Scalo (al di là del nome) è fuori mano sia dalla competenza sia dall’incidenza, situato com’è a un tiro di schioppo da San Severo e a pochi chilometri da Foggia, anzi ne è una frazione.  Dal ns paese dista, invece, oltre 25 chilometri. Non commettiamo lo stesso errore del “ghetto”, perché così facendo discolpiamo gli altri (quelli che avrebbero potuto impedire la realizzazione, amministratori e politici compresi). Discorso diverso per le pale eoliche. Saluti cari! Antonio Del Vecchio

 

Letto 797 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.