Antonio Del Vecchio
07/07/16

I vantaggi per la collettività previsti dal regolamento pro “Villaggio Vita Sana”, a Rignano G.

Rignano G. panorama Ovest Rignano G. panorama Ovest

 RIGNANO GARGANICO. Quando c’è buona volontà e  il rapporto stabilito  rientra nello spirito e nella norma del dettato costituzionale, i vantaggi per la collettività sono scontati. È il caso della convenzione concordata or ora tra la MGFIN srl di Busto Arsizio e il Comune di Rignano Garganico per la costruzione e la gestione del “Villaggio Vita Sana”,

di cui si è già dato notizia ieri. Il tutto è specificato nell’arti. 18, che riportiamo volentieri di seguito senza commento alcuno, data la lapalissiana chiarezza e sinteticità. <<Art. 18 -La società MGFIN srl, al fine di avviare un rapporto costruttivo e in sinergia con il Comune di Rignano Garganico, si obbliga inoltre a concedere i seguenti servizi: 1 - utilizzo della Sala Convegni della struttura da parte del Comune di Rignano garganico o altro soggetto autorizzato dal Comune, per un numero massimo di 5 volte l’anno, previa comunicazione alla direzione del “Villaggio Vita Sana” da effettuarsi almeno dieci giorni prima dell’evento programmato e compatibilmente con concomitanti eventi già organizzati dalla struttura; le spese di pulizia e manutenzione della struttura saranno a carico dell’utilizzatore della Sala Convegni; la società MGFIN srl sarà esonerata da ogni tipo di responsabilità civile per danni causati a terzi verificatisi durante l’utilizzo della sala; 2 - utilizzo gratuito della piscina della struttura da parte dei residenti del Comune di Rignano Garganico in due giorni prestabiliti della settimana per un totale di due ore al giorno ( nrd. modifica integrazione approvata dal C.C.) e per un numero massimo di persone che verrà concordato con l’ente al termine della realizzazione della struttura; l’utilizzo della piscina verrà, comunque, disciplinato da apposito regolamento che la società MGFIN srl comunicherà al Comune di Rignano; 3 -  nel rispetto delle qualifiche richieste e delle professionalità da impiegare, e comunque su insindacabile giudizio della società MGFIN srl, la stessa si obbliga a garantire una percentuale pari al 40% di personale da assumere nella struttura che risulti residente nel Comune di Rignano Garganico; 4 -  un appartamento per anziani di  uno dei moduli del progetto sarà offerto con un costo agevolato a persone disagiate del Comune di Rignano Garganico su indicazione dei Servizi Sociali del Comune; 5 - libero utilizzo dei parcheggi esterni alla struttura da parte dei cittadini del Comune di Rignano e dell’utenza; 6 -  libero accesso della cittadinanza durante le ore di apertura al pubblico della Chiesa che verrà realizzata: 7 - la società MGFIN srl si obbliga, inoltre, ad organizzare a proprie spese e in collaborazione con il Comune di Rignano almeno tre manifestazioni di carattere culturale all’anno>>.

 

Letto 903 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.