Antonio Del Vecchio
23/06/16

Già al lavoro la giunta del nuovo Sindaco Michele Merla, a San Marco in Lamis

Palazzo Badiale sede del Municipio di San Marco in lamis (Foto di la Riccia) Palazzo Badiale sede del Municipio di San Marco in lamis (Foto di la Riccia)

SAN MARCO IN LAMIS. È già attiva la giunta del nuovo sindaco Michele Merla, a San Marco in Lamis. Sono cinque gli assessori, a cui sono state attribuite mediante apposito decreto sindacale le rispettive deleghe.

Il tutto sarebbe avvenuto, a quanto si è appreso,  senza colpo ferire, all’insegna della massima unione e condivisione, tenuto conto anche delle specificità professionali ed esperienziali di ciascuno di essi. In qualche misura avrebbe contribuito alla scelta anche il numero delle preferenze popolari conquistate, Non a caso la carica di vice sindaco è stata conferita ad Angelo Ianzano, primo eletto della lista con 800 preferenze e passa, che esercierà le seguenti deleghe: Ecologia, Verde Pubblico, Cimitero, Arredo Urbano, Agricoltura e Foreste. Quello di Ianzano, è un nome noto non solo per via della professione che esercita (infermiere di lungo corso a Casa Sollievo della Sofferenza), ma anche per la sua maturata esperienza politica ed amministrativa. Rispettata anche la presenza quasi paritaria dell’uno e l’altro sesso nell’esecutivo. Troviamo, infatti: Lucia Caterina Ferro, che si occuperà di Politiche ed Attività Sociali e Annalisa Sassano, alla quale è toccata la delega al Contenzioso e al Personale. Il resto delle deleghe sarà esercitato dal commercialista Michele Nardella (Bilancio, Finanze e Programmazione, Reperimento Fondi Comunitari, Entrate patrimoniali e tributarie) e da Alessio Villani (Urbanistica e LL.PP., Assetto del territorio, Politiche abitative, Attività produttive, Commercio, Difesa del suolo, Politiche energetiche, Trasporto). Si tratta della delega più pesante ed importante. Per l’esercizio della stessa, anche quest’ultimo dovrebbe avvalersi, stando ai si dice, oltre che della sua lunga esperienza politica, di un laboratorio tecnico molto ferrato e capace di attirare i finanziamenti comunitari e regionali in loco. Ossigeno, quest’ultimo, assai vitale per la città, afflitta, come risaputo, da un annoso debito di bilancio fuori misura. Infine, le cosiddette competenze di immagine, come quelle riferite a Borgo Celano, Sport, Cultura, Cooperazione e Promozione turistica, verranno svolte direttamente dal primo cittadino Merla.

 

Letto 477 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.