Antonio Del Vecchio
21/02/16

ASILO NIDO COMUNALE: DIMEZZATE LE RETTE, AD APRICENA

APRICENA.  Asilo comunale: dimezzate le rette, ad Apricena. A farlo sapere  è un comunicato stampa dell’Ente, che riportiamo integralmente, al fine di rendere più completa ed obiettiva la notizia. << “Sono molto felice di poter annunciare che il Piano Sociale di Zona ha approvato la nostra proposta di abbassare le tariffe per l’iscrizione all’asilo nido comunale “Don Tonino Bello”.

Le quote di compartecipazione delle famiglie sono state dimezzate rispetto a quanto previsto in precedenza”. L’Assessore alle Politiche Sociali Agata Soccio con queste parole comunica l’importante risultato raggiunto dall’Amministrazione Comunale che permette a tanti genitori di poter accedere ad un servizio essenziale qual è l’asilo nido.  “Sin da settembre – ricorda Soccio – ci siamo più volte battuti in sede di Ambito per rimodulare le quote di iscrizione che, da subito, abbiamo ritenuto essere molto elevate. Non a caso non abbiamo avuto iscrizioni nella prima fase del servizio. Ecco perché, responsabilmente,  – ricorda Soccio – per venire incontro ai nostri Concittadini abbiamo fatto una scelta importante. Ci siamo presi l’impegno di non far pagare l’iscrizione per i primi mesi ai bambini, con la promessa, mantenuta, di tornare al Piano Sociale di Zona di San Severo e chiedere una revisione delle rette”. Per le nuove quote da versare a partire dal mese di febbraio sarà possibile rivolgersi all’Ufficio Servizi Sociali del Comune. La tabella con le nuove tariffe è disponibile sul sul sito istituzionale www.comune.apricena.fg.it.  Le nuove tariffe sono più che dimezzate rispetto al passato. “Abbiamo ridotto il numero di fasce e previsto la gratuità per chi ha un I.s.e.e. fino a 7mila e 500 euro – va avanti l’Assessore – prevedendo quote che vanno, in base al reddito, dalle 40 alle 110 euro mensili. Mentre il vecchio avviso pubblico prevedeva quote fino a più di 300 euro al mese. Cifre troppo esose per molte famiglie di Apricena”.“Abbiamo fatto un grande lavoro di squadra, per il quale voglio ringraziare la Dirigente dei Servizi Sociali Vincenza Cicerale e le Assistenti Sociali del Comune. E ringrazio anche i genitori, con cui abbiamo avuto più incontri in questi mesi, che hanno compreso e sostenuto l’importanza della nostra iniziativa”.“Voglio rivolgere un plauso all’Assessore Soccio e al suo gruppo di lavoro – afferma il Sindaco Antonio Potenza – per quanto fatto in questi mesi. È nostro dovere tutelare i nostri Concittadini, specie quando si tratta di famiglie e bambini, come in questo caso. Abbiamo fatto valere le ragioni nostre e delle famiglie e alla fine – conclude Potenza – abbiamo risolto un importante problema”.NUOVE TARIFFE /I^ fascia  : da € 0,00 ad € 7.500,00 /    = esonero compartecipazione;II^ fascia : da € 7.500,01 ad € 10.000,00 = € 40,00;III^ fascia : da € 10.001,00 ad € 20.000,00 = € 70,00;IV^ fascia: da € 20.000,00 ad € 30.000,00 = € 110,00;oltre € 30.000,00 = € 150,00

VECCHIE TARIFFE

Fasce di reddito

Parametri ISEE

Calcolo percentuale

Retta mensile

1^ fascia

I.S.E.E. compreso tra € 0,00 ed € 7.500,00

solo quota fissa

 € 40,00

2^ fascia

I.S.E.E. tra € 7.501,00 ed € 10.000,00

€ 50,00+ 5% costo retta totale

€ 64,18

 

3^ fascia

I.S.E.E. tra € 10.001,00 ed € 13.000,00

€ 50,00 + 20% costo retta totale

€ 106,72

4^ fascia

I.S.E.E. tra € 13.001,00 ed € 15.000,00

€ 50,00+ 30% costo retta totale

€ 135,08

5^ fascia

I.S.E.E. tra € 15.001,00 ed € 20.000,00

€ 50,00+ 40% costo retta totale

€ 163,44

6^ fascia

I.S.E.E. tra € 20.001,00 ed € 25.000,00

€ 50,00+ 50% costo retta totale

€ 191,80

7^ fascia

I.S.E.E. tra € 25.001,00 ed € 30.000,00

€ 50,00+ 60% costo retta totale

€  220,16

8^ fascia

I.S.E.E. tra € 30.001,00 ed € 35.000,00

€ 50,00+ 70% costo retta totale

€ 248,52

9^ fascia

I.S.E.E.  tra € 35.001,00 ed € 40.000,00

€ 50,00+ 80% costo retta totale

€  276,88

 

I.S.E.E. oltre € 40.000,00

il costo della retta è a totale carico degli utenti.

€ 333,60

 

 

 

Letto 383 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.