Antonio Del Vecchio
12/01/16

No alle trivellazioni, Rifondazione Comunista di Foggia: “Questo mare è l’unico che abbiamo”

FOGGIA. Contro la ricerca di idrocarburi e le  trivellazioni nell’Adriatico e nell’Ionio si schiera apertamente anche la Federazione Provinciale del Partito di Rifondazione Comunista, diretta da alcuni anni da Antonello Soccio, amministratore pubblico e politico di lungo corso, originario di San Marco in Lamis.

Lo fa con un duro e pepato comunicato stampa e relativo manifesto  affisso in dove.  Con esso, tra l’altro,  si condanna aspramente  la decisione del governo Renzi, per aver   autorizzato  la ricerca di petrolio e gas nelle immediate vicinanze delle Isole Tremiti e della costa Adriatica. Tale scelta – a quanto si legge - sarebbe priva di qualunque motivazione logica ed economica, investendo, peraltro,  un’ area del parco marino. Zona, quest’ultima, “protetta” per antonomasia, in quanto  di rilevanza internazionale. Per di più la messa in atto della decisione – si rileva più avanti -  potrebbe  provocare danni gravissimi, oltre che all’ambiente marino ed alle coste adriatiche, anche a settori economici strategici come il turismo  e la pesca che, si  ricorda ai componenti del vigente governo, sono comparti trainanti dell’economia della Capitanata e della Puglia, fornendo  occupazione a centinaia di migliaia di addetti. Il Partito di  Rifondazione Comunista, guidato da Soccio, ritiene altresì  che questa scelta politica scellerata  del governo andrebbe contrastata in tutti i modi compreso il referendum già richiesto ed in attesa di pronuncia di legittimità da parte della Corte Costituzionale. Ed è per questo - secondo gli estensori del documento in parola, – che  il Partito ha aderito sin da subito ad ogni iniziativa pubblica  in difesa del nostro mare come la grande manifestazione tenutasi a Manfredonia il 6 Ottobre del 2012 (vedi foto). Considerata la “trasversalità della questione” , il documento si conclude, auspicando  e la  massima unità di intenti sia tra le diverse forze politiche presenti sul territorio, attraverso il Comitato No Triv, sia tra i rappresentanti istituzionali delle regioni esposte al grave rischio di inquinamento e di danni ai settori economici del turismo e della pesca.

Letto 458 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.