Antonio Del Vecchio
15/11/15

Asilo nido “Don Tonino Bello”: si parte a dicembre, ad Apricena

Apricena. L'assessore comunale Ada Soccio Apricena. L'assessore comunale Ada Soccio

 APRICENA – *Dal prossimo primo dicembre riaprono le porte dell’Asilo Nido “Don Tonino Bello”. Il Comune di Apricena ha emanato l’avviso pubblico per consentire l’iscrizione dei bambini da parte delle famiglie.

“Quest’anno avviamo il servizio con qualche settimana di ritardo – spiega l’Assessore ai Servizi Sociali Agata Soccio – perché abbiamo dovuto attendere i tempi del Piano Sociale di Zona di San Severo per le procedure di concessione del nuovo appalto per la gestione del servizio”.“L’Asilo Nido “Don Tonino Bello” – ricorda infatti Soccio – rientra in quella serie di strutture che fanno capo  direttamente all’Ambito Sociale di San Severo, che quest’anno ha dovuto effettuare una nuova gara d’appalto per la gestione del servizio. Una operazione portata avanti direttamente a San Severo dall’Ufficio di Piano”. “La nostra Amministrazione e i nostri Uffici hanno fatto tutto quanto nelle loro possibilità per accelerare al massimo la riapertura, chiedendo supporto anche al Prefetto per riattivare al più presto un servizio essenziale per i nostri Concittadini.”“La struttura sarà aperto fino al 31 luglio 2016, – ricorda Soccio – dal lunedì al venerdì dalle ore 7:30 alle 13:30. I nostri uffici sono a disposizione per fornire tutte le informazioni sui costi e sui servizi offerti”. È possibile ritirare i moduli e il bando direttamente all’Ufficio Servizi Sociali del Comune di Apricena, oppure scaricare i documenti sul sito istituzionale, a questo indirizzo http://www.comune.apricena.fg.it/apricena/po/mostra_news.php?id=647&area=H.   

 

N.B. * Comunicato stampa del Comune di Apricena

 

Letto 727 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.